VERTIGINE POSIZIONALE PAROSSISTICA BENIGNA

Domanda: 
Su cosa è basata la diagnosi della vertigine posizionale parossistica benigna?
Clicca QUI per vedere la soluzione
Soluzione: 

Nella stragrande maggioranza dei casi sull’anamnesi e sull’esame obiettivo. In particolare quest’ultimo è fondato sulla manovra di Dix-Hallpike, che ha lo scopo diagnostico di scatenare la vetigine ed il nistagmo. La manovra consiste nel portare il paziente da posizione seduta a posizione supina con la testa ruotata lateralmente di 45° ed il collo esteso di circa 20°. Il test è reso più sensibile dall’utilizzo degli occhiali di Frenzel. La vertigine può non essere immediata, ma può essere ritardata anche di 3 minuti. Se il test è positivo la diagnosi di disfunzione del canale semicircolare posteriore è fatta (85-95% dei casi di vertigine posizionale parossistica benigna). EM Practice Guidelines Update 2009;1:2-4