QUEL PAZIENTE CHE NON TI FA L'OCCHIOLINO!. TEST del RIFLESSO CORNEALE. In collaborazione con Academic Life in EM

 

Trick of the Trade: Corneal reflex test

 
Il test di riflesso corneale (test del battito delle ciglia) esamina l’arco di riflesso che coinvolge i il 5 e 7 paio dei nervi cranici. Classicamente dobbiamo sfiorare delicatamente la cornea del paziente con del cotone. La sensazione di corpo estraneo dovrebbe stimolare il riflesso che causa il battito delle palpebre (blink reflex).

 

 
 
 

Però … c’è un però!

 

Questa manovra ci dovrebbe preoccupare un po’ perché c’è la possibilità di provocare una abrasione corneale, specialmente se stiamo esaminando un paziente molto sonnolento. Vi chiederete se non c’è battito di ciglia perché non toccate la cornea con sufficiente forza, e così applicate una pressione maggiore, ma ancora niente. Ripetete di nuovo il test e finalmente il battito riflesso. Per fare questo, però, avete graffiato tre volte la cornea.

Esiste un approccio alternativo?

 

TRUCCO del MESTIERE: Applicare gocce di soluzione fisiologica sterile sugli occhi

 

 

 

Quando abbiamo un paziente con un Glasgow Coma Scale basso vogliamo dare un rapido esame neurologico. Un semplice rapido test per valutare i riflessi della cornea (alternativo a quello descritto) è questo.  Prendi una siringa e riempila di soluzione fisiologica sterile, quella che solitamente usiamo per i lavaggi degli accessi venosi. Spruzza poche gocce di fisiologica all’interno dell’occhio, osservando se compare il riflesso di chiusura delle palpebre.

 

 

 

Non vi sembra molto più sicuro ed efficace di un test del riflesso corneale? Provatelo la prossima volta!

 

Michelle Lin, Blog Editor-in-Chief del sito Academic Life in Emergency Medicine, Associate Professor of Emergency Medicine, University of California San Francisco (UCSF), San Francisco General Hospital (SFGH)

 

LINK TO THE ORIGINAL ARTICLE